La caccia agli uccelli acquatici
Caccia
Appostamenti fissi
La ex-cava a Ravenna
I laghetti Modenesi
La risaia in Lomellina
Zone umide maggiori
Laguna del Po
Laguna di Orbetello
Padule di Fucecchio
Valli di Comacchio
Altre forme di caccia
Caccia alla Folaga
Trampolieri sul Prato
Richiami vivi
Anatre Olandesine
Altro
Cani da palude
Capanni
Specie Cacciabili
Uccelli acquatici
Riconoscimento
Ambiente
Avvistamenti
Storia e Tradizioni
Nomi Dialettali
Studi&Ricerche
Angra Onlus
Home Anatidi.it
 



Scrivi alla Redazione


La selezione dei richiami vivi
La prima scheda di questa sezione tratta l'argomento "anatre vive" e, in particolare, si parlera' dell'allevamento e della scelta del soggetto adatto per la caccia.

Chi pratica la caccia agli acquatici sa bene quanto sia importante avere nel proprio gioco alcuni richiami vivi.
Capita spesso che sia proprio la bravura delle nostre anatre a trasformare una mattinata di caccia grigia e deludente in una giornata da ricordare...e raccontare agli amici!
Cosi' attraverso la chiacchierata fatta con l'esperto cacciatore di acquatici Lionello Marcato (che caccia nella laguna veneziana e prevalentemente in appostamento temporaneo) vogliamo dare il nostro contributo a tutti gli amici di Anatidi.it che hanno intenzione di cimentarsi con il difficile addestramento delle anatre vive da richiamo.



Paolo: "Insomma Lionello: cosa hanno di particolare le tue anatre?"

Lionello: "Cosa? Hanno 15 anni di selezione alle spalle!.
Tutto è nato dalla voglia di avere un’anatra che cantasse in modo particolare, quel canto che solo i germani “veri” hanno.
Quindici anni fa iniziai a selezionare le prime femmine, scegliendo quelle che una volta in acqua dimostravano di non schiamazzare, di non cantare con un tono troppo forte, e di avere un carattere estremamente docile.
Oggi le mie anatre nel momento dell’arrivo del selvatico cantano emettendo al massimo 4-5 battute dal suono nasale: iniziano con un tono alto e forte, fino ad arrivare ad un’ultima e leggera battuta, con un tono basso e marcato.
Un canto di questo tipo, quando si caccia con una batteria di 4-5 anatre vive, ti permette di ottenere risultati nettamente superiori a quelli che otterresti con le “normali” anatre germanate. Questi soggetti non concedono artificiosità al gioco e difficilmente le anatre selvatiche si impauriscono al loro canto, anche se corale.
Morfologicamente sono diverse dai germani comuni: sono più tozze, con il collo più corto e meno sottile, il becco è largo e danno l’impressione di essere uccelli forti. Ma la cosa veramente particolare è il forte contrasto tra i colori del piumaggio. Questa è la caratteristica che mi permettere di distinguerle facilmente da quelle di ceppo normale, addirittura subito dopo la schiusa delle uova, anche perché il colore delle zampe dei pulcini è quasi nero (ma da adulti avranno le zampe di un arancione scuro), ed è questo il primo passo della selezione."

Paolo: "Parlami della selezione. Come fai a scegliere il soggetto adatto alla caccia?"

Lionello: "Per mantenere le stesse caratteristiche da generazione a generazione, faccio incrociare i genitori con i figli e i fratelli tra di loro. In questo modo il patrimonio genetico rimane praticamente lo stesso rafforzando le probabilità di nascita di soggetti del ceppo.
Naturalmente le anatre di questo ceppo sono sempre isolate dalle altre, questo per non rischiare incroci con soggetti di razza diversa.
Inoltre è fondamentale ai fini della riproduzione che anche i maschi siano dello stesso tipo.
Spesso infatti si fa attenzione solo alle femmine, perché in fondo sono loro che con il canto richiamano le selvatiche, ma è essenziale per ottenere dei buoni richiami vivi che anche il riproduttore maschio sia un buon soggetto.
Dopo la schiusa delle uova viene il difficile. Come ti dicevo si capisce subito quali sono quelle che avranno le caratteristiche del mio ceppo: ma questo non basta!
Così come un qualsiasi cacciatore addestra il suo cane fin da piccolo, lo porta spesso in campagna, gli fa conoscere il selvatico, lo addestra alla ferma, ecc. ecc., anche noi cacciatori di acquatici dobbiamo allenare i nostri "ausiliari".
Solo quando l’anatra si trova a contatto con l’acqua e con la zavorra alle zampe, si capisce se è adatta a diventare un buon richiamo, tranquillo e quindi utile.
Deve cantare con spontaneità e il suo modo di muoversi, di richiamare le altre anatre (con le famose 4-5 battute a toni decrescenti), di rispondere al maschio, sono tutte variabili da tenere in considerazione prima di scegliere un soggetto piuttosto che un altro.
Solo dopo molte prove e molte uscite in laguna riesco ad individuare l’anatra adatta.
Generalmente ogni 10/15 nate sono al massimo due quelle che faranno parte della batteria da richiamo per la caccia e, soprattutto, nel gruppo dei riproduttori dell’anno successivo."

Paolo: "Immagino che anche tu alle tue anatre gli dedichi veramente tanto tempo."

Lionello: "Si, certo. Ma sei obbligato a farlo, non puoi decidere di allevare anatre da richiamo e poi non curarle ed addestrarle tutto l’anno. Lo svezzamento lo faccio io e non la madre. Devi sostituirla è indispensabile.
Ogni volta che mi avvicino ai piccoli, prima di dargli da mangiare e da una certa distanza, le chiamo e loro mi rispondono. Uso fare un “Coreee” secco, e così fino all’età adulta. Sarà molto utile per la caccia e per farle cantare a comando.
Bisogna anche tenerle in un luogo adatto e non fargli mancare mai nulla: cereali di ottima qualità e specialmente l’acqua. Le anatre hanno bisogno di bagnarsi spesso durante il giorno.
Infatti senza acqua la ghiandola uropigia, alla base della coda, non secernerebbe più quell’olio che con il becco si passano in continuazione sulle piume rendendole perfettamente impermeabili.
In questo caso una volta in acqua non darebbero il loro meglio e, quindi, si rischierebbe di escludere erroneamente dei soggetti validi."

  Visite alla pagina: 33006