La caccia agli uccelli acquatici
Caccia
Appostamenti fissi
La ex-cava a Ravenna
I laghetti Modenesi
La risaia in Lomellina
Zone umide maggiori
Laguna del Po
Laguna di Orbetello
Padule di Fucecchio
Valli di Comacchio
- 70 giornate in Valle
Altre forme di caccia
Caccia alla Folaga
Trampolieri sul Prato
Richiami vivi
Anatre Olandesine
Richiami vivi e influenza aviaria
Altro
Barchini
Cani da palude
Capanni
Ucceli inanellati
Modalita' di segnalazione
Specie Cacciabili
Uccelli acquatici
Riconoscimento
Ambiente
Avvistamenti
Storia e Tradizioni
Nomi Dialettali
Studi&Ricerche
Angra Onlus
Home Anatidi.it
 



Scrivi alla Redazione


I cani per la caccia in palude: il Restone Brachiuro
Il Restone Brachiuro e' un cane da sempre definito generico, adattabile a tutti i tipi di caccia, prodotto dalla nostra secolare miseria, infatti fu utilizzato dai nostri antenati contadini per procurarsi piu' selvaggina possibile.
Viene comunque sempre citato come cane adattabile a qualsiasi terreno di caccia anche da noti scrittori su testi antichi.
I restoni nascono da una selezione spartana si adattano grazie alle loro doti psichiche e fisiche a qualsiasi ambiente e clima e a qualsiasi selvatico.

Ingrandisci la foto
Makao the Prince


Animati da una passione venatoria indomabile resistono alla fatica, entrano senza indugio nei rovi e nell'acqua fredda, spinti da una grande avidita'. Grazie alla sua pelliccia degna di una bestia selvatica e' in grado di affrontare anche gli ambienti piu' ostili, il manto e la spessa pelle lo proteggono da tutto.
Il restone e' un cane da ferma, con consenso spontaneo, ma puo' essere utilizzato per qualsiasi altro tipo di attivita' venatoria grazie alla sua tenacia e versatilita'.
e' un cane dalla cerca avida con un innato collegamento con il conduttore che di tanto in tanto cerca con lo sguardo, ha una cerca abbastanza ampia che esplica con un galoppo energico che estende o contiene a seconda delle difficolta' del terreno, alternando a volte qualche fase di trotto.
Pur essendo un cane rustico e' elegante nel movimento ed espressivo nella ferma che esegue a testa alta ed eretto sugli arti e con la coda ferma e leggermente inclinata verso l'alto. Di solito dopo la ferma e l'accostata risolve su comando del conduttore con una veloce azione di pistaggio.
Essendo un cane da carniere non disdegna nessuna preda eseguendo anche un abbaio a fermo sugli ungulati e la seguita con voce sulla lepre.

Morfologicamente e' un cane inscrivibile nel rettangolo, l'altezza varia da 53,5 a 49 a seconda del sesso. Nella testa gli assi carneo facciali sono leggermente divergenti e si vanno ad incrociare appena dietro l'apofisi occipitale, il neurocranio e' grande e piu' lungo del muso nel rapporto 5 a 4 con stop poco pronunciato. Le orecchie sono corte ed attaccate alte.
La peculiarita' della razza e' il brachiurismo quasi tutti i soggetti nascono a coda corta, con una lunghezza che va dai 18 ai 24 cm.
Il manto bianco-nero, bianco-moro, bianco-arancio, con o senza macchie e' formato da un pelo duro e ispido ben aderente al corpo e da setole dure e dritte, nel muso troviamo setole di protezione e un pizzetto sotto la mascella oltre che un ciuffo sulla nuca.

Clicca per ingrandire la foto Clicca per ingrandire la foto
Yndyos the Prince

Fatto un quadro generale di questa razza voglio descrivere l'utilizzo di questi cani sugli anatidi o in generale uccelli di palude, adatti su questa selvaggina per la loro forza nel nuotare anche contro forti correnti e per il manto che lo protegge dalle acque fredde.
Sono cani molto intelligenti e con un buon addestramento obbediscono perfettamente ai comandi cosi da restare fermi all'interno del capanno e andare al riporto solo sotto ordine del cacciatore. Dotati di un grande affiatamento con il cacciatore eseguono riporti anche in situazioni difficili concludendoli con ottimi risultati e portando il selvatico abbattuto fino alla mano del suo conduttore.
Tenaci e impavidi riescono a cercare le selvaggine negli sporchi delle paludi che poco si risparmiano riuscendo in riporti a largo senza paura e senza esitazioni.

Concludo dicendo che qualsiasi cacciatore provi questa razza se ne innamora facilmente perché la loro grande forza nella caccia e' proporzionale al grande affetto e rispetto che hanno per i loro conduttori. Sono grandi ausiliari da riscoprire.
Ad oggi esiste un progetto su questa razza che speriamo porti al riconoscimento della stessa dall'ente ENCI, a capo di questo progetto troviamo il Gruppo Amatoriale Restone, fondato da poco, conposto da tanti appassionati che hanno voglia di lavorare e mettersi in gioco e che credono molto in questi cani e alle loro grandi doti che, piano piano, stanno ottenendo buoni risultati.

Clicca per ingrandire la foto Clicca per ingrandire la foto

Per contatti e informazioni sulla razza potete visitare i seguenti gruppi di facebook:
GAR - Gruppo Amatoriale Restone
Selezione amatoriale The Prince - Restone Brachiuro


Ingrandisci la foto




Torna alla lista dei cani da palude


  Visite alla pagina: 500