Gli Eventi di Anatidi.it
Caccia
Specie Cacciabili
Uccelli acquatici
Riconoscimento
Ambiente
Avvistamenti
Storia e Tradizioni
Nomi Dialettali
Studi&Ricerche
Angra Onlus
Home Anatidi.it
 



Scrivi alla Redazione


VI Memorial "Antonello Barbaccia"
Il fine settimana del 21 e 22 giugno 2014 si e' svolto presso il tiro a volo "Lauretana" la sesta edizione del Memorial "Antonello Barbaccia", la gara di tiro tra gli amici di Anatidi.it.
E' sempre bello e commovente incontrarsi per ricordare un amico che purtroppo se ne e' andato troppo presto. Sicuramente Antonello era li con noi.

La due giorni e' stata "graziata" dal tempo, niente pioggia e non ha fatto particolarmente caldo e quindi il tutto si e' svolto nel migliore dei modi.

Foto di gruppo dei partecipanti


Clicca per ingrandire la foto Anche quest'anno la cenetta del sabato l’abbiamo trascorsa nel ristorante del villaggio Conero Azzurro dell’amico, chef e cacciatore di anatre Matteo, che ci ha fatto ingrassare un paio di chili ciascuno!
Abbiamo deciso che per i prossimi memorial dobbiamo diminuire il numero delle portate!!!

La domenica mattina invece, dopo il doveroso saluto ad Antonello, ci siamo diretti al TAV Lauretana per la gara di tiro, che quest'anno ci ha visto impegnati nelle specialita' skeet e fossa olimpica. Due serie di 25 piattelli di cui molti superstiti!!!!!

Clicca per ingrandire la foto Hanno partecipato alla gara sette squadre di tre tiratori ciascuna, ed i premi erano costituiti, per le prime tre in classifica, dai fischi realizzati da Claudio Tombetti, per le altre due alcuni pacchi di cartucce!
Di seguito potete vedere le foto alle squadre e ai tiratori andati a premio.

Un ringraziamento doveroso va a Dino Zallocco che ci permette di utilizzare a nostro uso e consumo i suoi campi da tiro, ma soprattutto per le stupende lasagne che ci ordina tutte le volte che organizziamo la gara!
Ci rivedremo al prossimo Memorial Barbaccia, che presumibilmente si svolgera’ a meta’ giugno 2015, in cui le gare di tiro si faranno piu' interessanti, infatti oltre alla serie al piattello effettueremo anche la gara di tiro allo stampo a 50 mt. e alla cartolina a 80 mt.
Redazione Anatidi.it


Clicca per ingrandire la foto Clicca per ingrandire la foto Clicca per ingrandire la foto
Le Sarsegne
Felici, Scida e Pisani
I Pignoi
Cantarini, Bocchini, Barbieri
I Magassi
Manente, Bellavigna, Giacometti
Clicca per ingrandire la foto Clicca per ingrandire la foto  
I Mazurin
Filippi, Sollini, De Pari
I Ciossi
Quarchioni, Orlando, Rogante (assente!)
 



Alcuni commenti dei partecipanti:

Clicca per ingrandire la foto Io di persona non l'ho conosciuto, ho solo letto i suoi scritti e visto il ricordo che ha lasciato a chi lo conosceva. Ma ieri al cimitero l'ho ringraziato.
Perche’ nel suo nome per una volta di piu’ ho conosciuto gente bellissima e reincontrato amici veri.
Lo so, lo so, gli amici veri sono quelli con cui condividi gli aspetti piu’ belli e brutti della vita, le amicizie piu’ forti nascono sui banchi di scuola, AMICO e’ una parola di cui si abusa: le so tutte ste cose!
Ma quando il cameratismo, il piacere di stare insieme, quando una persona che hai incontrato solo due minuti prima la senti che parlando e’ cosi’ diverso perche’ fisicamente lontano da te ma anche cosi’ uguale perche’ condividi qualcosa che io non esito a definire metafisica (nel senso strettamente etimologico, "che va oltre la fisicita’"), beh, io quel tipo lo chiamo amico.
Perche’ quando lo abbracci il tempo (anni a volte!!) passato senza vederlo o magari sentirlo e’ uguale nella durata ad un battito di ciglia, quando ci parli ti apri e metti a nudo aspetti del tuo animo che magari lasci celati a persone che incontri tutti i giorni, quando sai che prima o poi ci sara’ un'alba insieme per rinnovare quel rito (non credo pagano) che si rinnova per noi ad ogni alba, io quelle persone CHE SUSCITANO TUTTO QUESTO le chiamo AMICI.
Cosi’ non faro’ nomi (so’ pure scordarello) ma stringo in un abbraccio tutti quelli che in questi due giorni mi hanno permesso di staccare da una vita a volte troppo difficile e stare veramente bene, in grazia di Dio con loro e la mia famiglia.
Grazie AMICI, grazie ai marchigiani, ai veneti, agli emiliani, a tutti quanti c'erano ed a quelli che in spirito erano li anche se non fisicamente.
E grazie a te, Antonello ed al "barbone" friulano che se ne e’ andato senza poter tirare ad un'oca, grazie a voi, teneteci una mano sulla testa dovunque siate, a noi ed alle nostre famiglie, nel vostro ricordo spero che per 100 anni ancora e oltre ci si ritrovi tutti insieme.
Francesco Putini


Che belle parole francesco! Grazie.
In effetti il memorial sta diventando un punto fermo di tutti noi, perche' ci da la possibilita' di rivedersi ricordando gli amici che purtroppo non possono essere piu' li con noi!
La visita ad Antonello e' sempre un momento molto toccante, ma e' bello ricordarselo cosi', tutti insieme, sembra quasi che sia li con noi a farsi prendere per i fondelli per la sua coattissima tigra rossa o per le sue avventure venatorie!
E' stato tutto molto bello e piacevole, io e il Vet ne abbiamo approfittato per andare al mare con le nostre famiglie. Poi la cena al ristorante del listaiolo Matteo (dovevo prendere il menu' pesce porca miseria) a cui abbiamo svuotato la cantina e le chiacchiere in albergo prima di andare a dormire (cosi' abbiamo fatto le due), Sasa' che ha scroccato anche quest'anno la colazione all'hotel torresi (sempre gentilissimi e molto pazienti con tutti noi), la stupenda macchina camo max4 di Andrea Barbieri, i racconti di Nello Filippi (il figlio ci ha detto: ma non siete bravi a sparare, ho trovato un sacco di piattelli vivi!!!!) e la garetta di tiro che ha evidenziato quando i piattelli non assomiglino alle anatre: se ne sono salvati i due terzi!!!!!
Devo ringraziare Claudio Tombetti per aver messo in palio i suoi fantastici fischi da richiamo, i suoni che escono da chi non li sa usare perfettamente e con una buona dose di vino in corpo...non sono proprio gradevoli!
Ma anche Francesco dell'Hotel Torresi di Potenza Picena che ci ospita e, soprattutto, i titolari del TAV Lauretana, la famiglia Zallocco, che anche quest'anno ci ha messo a disposizione il suo campo di tiro per le nostre intemperanze.
Il prossimo anno oltre la serie al piattello abbiamo deciso di sperimentare altre gare: il tiro allo stampo a 50 mt. e il tiro alla cartolina a 80.
Vedremo un po' quanti pallini arriveranno a quelle distanze!!!!
Un grazie a tutti voi che avete partecipato e spero di rivedervi presto ai prossimi eventi che organizzeremo.
Paolo Bocchini


Clicca per ingrandire la foto Buongiorno a tutti e ben rientrati.
Osservo sempre con stupore come lo spirito di aggregazione abbia la forza di trasformare il memorial in ricordo di un amico meno fortunato di noi, in una giornata di festa come quella appena trascorsa. Ma ancor di piu’ mi compiaccio di quanto questo spirito di aggregazione viaggi di pari passo con l'orgoglio di appartenenza ad un onorevole gruppo, oserei dire oramai conosciutissimo come il nostro.
E cosi’ sul campo di gara della Lauretana, gestiti con onorata professionalita’ dalla famiglia Zallocco alla quale vanno i miei ringraziamenti, amici di tutte le eta’ sfoggiavano convinti chi la maglietta, se non lo stemmino con il nostro logo.
La garetta e’ stata a dir poco avvincente fino all'ultimo piattello ed i componenti tutti delle squadre in lizza si apprestavano presso il totalizzatore punti a contare gli zeri degli amici concorrenti, con la speranza di potere andare a premio.
Sette squadre in campo, di cui cinque premiate, ringraziando gli sponsor.
Ma dopo un po’, a ridosso delle 13,30, la fame si e’ fatta sentire sul serio e qualcuno ha cominciato ad apparecchiare la tavola!
Il pranzo, come sempre nello spirito di anatidi.it, si e’ consumato con il solito spirito conviviale grazie anche alle abbondanti libagioni che ancora una volta hanno placato i languori e la sete di tutti e trenta i partecipanti che tra un boccone e l'altro intanto si affannavano a raccontare i miracolosi carnieri di un tempo, ovviamente senza mai sbagliare un colpo!
Ringrazio sempre paolo bocchini per l'organizzazione e per aver fondato questo sito che mi ha dato la possibilita’ di conoscere persone come voi, di spessore!
Ringrazio sempre i maiali, grazie alle carni dei quali riusciamo ogni volta ad assaporare il gusto dei salumi sapientemente stagionati.
Ringrazio la Bernaccia Doc di Ermanno ed Enrico e la pinza ripiena della moglie di Claudio, che a momenti andavamo a Pescara anziche’ a Bologna.
Insomma.......ringrazio tutti tutti tutti!
Un abbraccio forte con l'augurio di potervi rivedere al prossimo evento!
Salvatore Livani


Anche se non ho partecipato al Memorial, sono veramente orgoglioso di far parte del Gruppo Anatidi.
Con spirito di aggregazione avete ricordato Antonello e il ”barbone” Friulano che alla fine di ogni sua mail scriveva "voglio le oche!!!"
Bravo Paolo e grazie a chi ha collaborato all’organizzazione e a tutti i partecipanti.
Johnny Previte


Mi scuso per il ritardo con cui scrivo, ma sono stato fuori.
Sul nostro incontro non voglio ripetere quello che diversi hanno gia' scritto, ma i miei ringraziamenti a tutti quelli che, con il loro lavoro e anche con la loro presenza, mogli comprese, hanno contribuito al suo successo voglio aggiungerli.
Grazie a tutti, ragazzi, e' sempre bello stare con voi.
Alla prossima occasione.
Carlo Scotto


Salvatore, in poche parole hai descritto perfettamente, fra il serio ed il faceto, lo svolgimento del memorial.
Voglio aggiungere una sola cosa: un prezioso elemento che favorisce l'aggregazione, sei proprio tu.
Un grazie ai marchigiani e a tutti coloro che si sono prodigati per l'ottima riuscita dell'evento (e non fatemi fare nomi, ne scorderei sicuramente qualcuno immeritatamente).
Un caro saluto a tutti e...alla prossima.
Francesco De Pari



Visita il V° Memorial Antonello Barbaccia

Visita il IV° Memorial Antonello Barbaccia

Visita il III° Memorial Antonello Barbaccia

Visita il II° Memorial Antonello Barbaccia

Visita il I° Memorial Antonello Barbaccia



Torna all'elenco degli eventi



  Visite alla pagina: 2176