Le ricette per cucinare gli uccelli acquatici
Caccia
Specie Cacciabili
Uccelli acquatici
Riconoscimento
Ambiente
Avvistamenti
Storia e Tradizioni
Nomi Dialettali
Studi&Ricerche
Angra Onlus
Home Anatidi.it
 



Scrivi alla Redazione


Canard aux orange di Giorgio Ghenzi
Salve a tutti se siete entrati in possesso di barazzolini vi do la mia ricetta preferita: l'anatra all'arancia.

Spellate le alzavole e pulitele bene all'interno. Il cuore e i fegatini teneteli da parte serviranno per un'altra cosa. Lasciatele dentro il lavabo a mollo per un ora, quindi lasciatele scolare ben bene in uno scolapasta con la pancia in giu'.

Col pelapatate tagliate la buccia di alcune arance le dosi sono circa 1 arancia per anatra poi vi regolate): attenzione solo e soltanto la parte arancione non il bianco, se dovesse rimanere del bianco dovete con un coltello affilato eliminarlo.

Mettete a bollire un pentolino d'acqua fredda, quando bolle gettate le bucce di arancia e aspettate che rialzi il bollore, dopo un paio di minuti scolatele e mettettele da parte, cosi' facendo eliminerete il classico sapore amaro.

In un'altra pentola piu' capiente mettete il succo delle arance utilizzate, mezzo bicchiere di un liquore a scelta tra cointreau, grandmarnier o cognac (a seconda se volete la salsa piu' o meno dolce) e le bucce ben scolate. Fate bollire il tutto per 5 minuti, spegnete e lasciate da parte.

In un tegame capiente mettete un tocco di burro a sciogliere, quindi le anatre, che avrete asciugato con un panno, poi salato e pepato anche all'interno ma senza eccedere. Debbono rosolare da tutte le parti fate cuocere (parlando di alzavole) 15 minuti dalla parte del petto a fuoco moderato col coperchio, quindi tiratele fuori scolandole del loro sughetto mettetele su un piatto caldo in forno spento tanto per non farle tanto raffreddare.

Nel tegame delle anatre mettete la salsa di arance. Si addensera' leggermente, se non succede potete aggiungere un poco di farina setacciata finche' non prende la consistenza desiderata.

Intanto preparate i piatti con in ognuno due coscette e i petti che avrete precedentemente staccato dalla carcassa tagliati in 3 fettine (se la carne sara' leggermente rosata e tenera avrete indovinato la cottura) sopra aggiungete la salsa e per guarnire infine il piatto potete usare degli spicchi di arancia che avrete precedentemente spellati completamente.

Il vino consigliato e' sicuramente un rosso giovane morbido non di grande struttura e un po' secco, per esempio: un teroldego rotaliano o pinot nero (blauburgunder) o anche un montepulciano d'abruzzo.

Un saluto a tutti e bon appetit


Torna all'elenco delle ricette

  Visite alla pagina: 89521