Le offerte per Anatidi.it
Caccia
Specie Cacciabili
Uccelli acquatici
Riconoscimento
Ambiente
Avvistamenti
Storia e Tradizioni
Nomi Dialettali
Studi&Ricerche
Angra Onlus
Home Anatidi.it
 



Scrivi alla Redazione


E inizia il sogno di Gianluigi Bocchi
Il primo libro di Gigi ci ha regalato emozioni molto forti: "Le valli di Comacchio una caccia d'altri tempi" e' stato apprezzato da tanti cacciatori di acquatici.
A due anni di distanza ci ripropone un altro libro che contiene le sue esperienze di caccia, racconti che agli appassionati faranno venire la classica pelle d'oca.

Per ingannare il tempo da qui all'apertura della prossima stagione venatoria, per avere in mente e ben scolpite un branco di anatre che danzano sul vostro gioco o rivivere semplicemente tutte quelle sensazioni che si provano in una mattinata di caccia in valle vi consiglio vivamente di leggere e sfogliare questa splendidda raccolta di giornate vissute dall'autore nelle affascinanti Valli di Comacchio.

Riportiamo l'introduzione al libro scritta dall'amico Dante Pozzi e parte di uno dei tanti racconti contenuti in "E inizia in sogno".

Buona lettura
Paolo Bocchini
Anatidi.it



Clicca per ingrandire la copertina del libro di Gigi Bocchi Il cuore del cacciatore batte al ritmo delle stagioni, del vento, della pioggia, del sole infuocato, dell'impeto delle tempeste.

L'amore per la sua terra-acqua, per le origini di un popolo fiero e indomito, trasmettono all'autore una forza inesauribile e lo conducono perennemente alla ricerca di se stesso in una sfida che non ha fine, in cui non vi sono vinti nè vincitori.

E' un leale duello fra l'uomo e la natura, fra il cacciatore e i selvatici in uno scenario ostico e ancora puro, straordinariamente affascinante.
Dante Pozzi





Fin da bambino sono stato stregato dalle anatre, che considero le creature più straordinarie al mondo. Di loro amo le forme aggraziate, i becchi arrotondati, le zampe palmate, gli specchi alari colorati, le livree nuziali dei maschi.

Le avete mai viste quando si lavano? Quando si baruffano per un po’ di cibo?
O quando si cospargono di grasso le piume, si puliscono una penna dopo l’altra, si grattano, si stirano, si gonfiano, si scrollano la neve dal groppone, si acquattano sul pelo dell’acqua al passare di un rapace, fingono di avere un’ala rotta per salvare la prole?

Che grinta dimostrano i maschi quando combattono fra loro, petto in fuori, il becco che affonda nel piumino dell’avversario, le ali usate come fendenti.
Le anatre sono animali affascinanti in grado di sbalordire non solo i cacciatori e gli ornitologi ma persino i fisici quando compiono acrobazie senza bisogno degli ordini di un capo, quando virano all’improvviso senza scontrarsi o perdere compattezza, quando si avvicendano al comando mutando direzione in pochi attimi.

Sono capaci di raggiungere altezze incredibili, di toccare elevate velocità facendo udire a noi poveri terrestri il loro sibilo d’ali, di posarsi sugli specchi d’acqua con precisione anche di notte o in presenza di nebbia, di affrontare venti impetuosi.
Le anatre conoscono tutti i segreti delle paludi, degli stagni, delle valli, del mare, del cielo, delle insidie atmosferiche e riescono a prevedere un cambiamento di tempo prima del colonnello Giuliacci e dei calli delle nostre nonne.

Uno stuolo di palmipedi può essere abbagliato da fari localizzati sul mare scambiati per il sole, sorpreso da una fitta grandinata, disorientato da un nubifragio, disperso da una bufera improvvisa.
Così, molte anatre pagano il prezzo del loro istinto morendo per sfinimento, ma le superstiti, inarrestabili lottatrici, continuano il loro viaggio con la forza del loro frenetico batter d’ali e il collo proteso verso la meta.....
Gialuigi Bocchi


Il libro viene offerto a tutti gli amici di Anatidi.it a 29 euro a cui andra' aggiunto il costo per la spedizione in contrassegno.
Per ordinare una copia del libro o per qualsiasi informazione in merito potete contattare direttamente l'autore Gigi Bocchi all'indirizzo e-mail:
gigi.bocchi@alice.it


Torna all'elenco delle offerte


  Visite alla pagina: 4919