I diari dei cacciatori di Anatidi.it
Caccia
Specie Cacciabili
Uccelli acquatici
Riconoscimento
Ambiente
Avvistamenti
Storia e Tradizioni
Nomi Dialettali
Studi&Ricerche
Angra Onlus
Home Anatidi.it
 



Scrivi alla Redazione


Una giornata di caccia in Mexico di Fabio Felici
Fin da quando ho saputo che sarei andato in Messico per lavoro, ho iniziato ad assaporare l’idea di poter andare a caccia, mi sono attivato subito per trovare il contatto che mi avrebbe consentito di realizzare la mia idea.
Una volta arrivato a destinazione nello Stato di Sonora nel nord ovest del Messico, ho subito attivato alcune persone con cui mi interfacciavo per lavoro, per organizzare la mia uscita venatoria. Rodrigo, il direttore del centro ricerche del Cimmyt a Ciudad Obregon dopo aver telefonato al miglior club di Obregon, mi comunica che è prevista l’organizzazione di una giornata per il 29 di febbraio alle anatre!

Il pomeriggio stesso mi reco presso il club Gabino’s outdoor per dare la mia adesione e per sentire come sono organizzate le cose, come si svolge la giornata e soprattutto se si tratta di caccia tradizionale da capanno con gli stampi. Il tutto è come speravo, lascio la mia adesione per il giorno 29 e prendo il telefono cellulare del titolare per mettersi poi d’accordo sugli appuntamenti per l’uscita prefissata.
Ho passato la settimana più lunga della mia vita, il giorno fatidico non arrivava mai, fino a che finalmente ecco che la sera prima mi ritrovo a prepararmi le poche cose che mi sono portato da casa: la sacra giacca con il logo Anatidi.it, la felpa di pail mimetica, i pantaloni da caccia e i miei scarponi, dato che mi è stato assicurato che gli stivali erano del tutto inutili. L’appuntamento è alle 3,30 presso il club, già avevo prenotato il taxi per le 3 a casa mia, mi suona e mi avvio senza un minuto di sonno sulle spalle, perché l’emozione non mi ha consentito di dormire. In 5 minuti sono al club, in netto anticipo rispetto agli altri che mi dicono essere 3 Americani e 3 Messicani.
Dopo pochi minuti di attesa arrivano i messicani, con i quali mi ritrovo subito a chiacchierare per fare la loro conoscenza ed entro immediatamente in sintonia con loro, tanto che dopo aver conosciuto gli altri (da loro chiamati “gringos”) non mi consentono di fare altro che aggregarmi a loro nella loro macchina per fare quei 90 Km che ci separavano dal luogo di caccia.

Riesco a schiacciare 20 minuti di pisolino e quando stiamo per arrivare entriamo in una coltre di foschia e leggera nebbia, che dava a quella giornata ulteriore fascino agli ambienti che noi frequentiamo cacciando in palude. Sembravo un bimbo all’entrata del paese dei balocchi, giungiamo finalmente al luogo dell’appuntamento coi barcaioli in mezzo al nulla in un buio pesto completo, coi fari delle macchine in manovra per parcheggiare si illuminano le lance che ci avrebbero portato ai capanni, erano lance ad elica e tutto era predisposto: il nome sui foderi dei fucili e sulle valigette delle munizioni, comprese le cuffie per il rumore del motore! Tra me e me penso che dopo un giretto nella palude con quelle lance, di anatre non se ne sentirà neanche la puzza, comunque saliamo sulla lancia, e uno dei gringos era seduto vicino a me, gli altri due dietro e i messicani erano sull’altra lancia. Speravo vivamente di non essere appioppato a uno di loro per condividere il capanno e infatti dopo 10 minuti di navigazione arriviamo al primo capanno in mezzo a 2 chiari dove il barcaiolo mi dice di scendere e che sarei stato da solo!!!!

Mai avrei sperato tanto, mi consegna la valigetta delle cartucce che ne conteneva 5 pacchi da 25 e il fucile Beretta Urika in composito nero che per quel giorno sarebbe stato il mio unico compagno d’avventura. La stampata era composta tutta da codoni, avevo qualche stampo nel chiaro davanti non più di 4-5 e qualcuno nel chiaro dietro 7-8. Il capanno se così lo devo proprio chiamare non era il massimo, composto di rami di piante verdi e non proprio esageratamente coprente, comunque aveva la pedana in legno e una seggiolina girevole, la base della quale era un frigo contenente birre acqua coca cola e qualche cosa da mangiare. Dopo neanche 20 secondi che la barca si è allontanata comincio a sentire in volo le anatre e il rumore dei tuffi nell’acqua sia nel chiaro davanti che in quello dietro, erano le 6,10. Incredibile era una cosa continua: alcune arrivavano e nel frattempo altre si alzavano mentre altre passavano sibilanti sopra al capanno e il tutto ancora avvolto nel buio che precedeva l’alba, estraggo il fucile dal fodero e carico, entrano 4 cartucce.

Mentre pensavo a tranquillizzarmi per non cadere nella frenesia, cominciava a schiarire e un ambiente meraviglioso andava man mano a svelarsi immerso nella foschia, tutto intorno avevo vegetazione palustre mischiata a zone con arbusteti e alberi più alti, le anatre stavano ovunque e comunque decido di non essere il primo a sparare, concedo l’onore ai gringos che in realtà non si fanno attendere molto lasciando la prima scarica di quella che sarebbe stata per me una giornata indimenticabile.

Prendo in mano il fucile dicendomi che non sparerò se non in volo, e avevo i chiari pieni. Ecco che ne arrivano due incoppate, erano greenwinds, una scarta di lato alzo il fucile e lascio cadere con una sola fucilata la mia prima preda.
Ero sbigottito, non credevo nella mia vita di poter vedere lo spettacolo che mi circondava: anatre dappertutto, e da tutte le direzioni. Nella prima mezz’ora la maggior parte delle anatre che arrivavano erano appunto le greenwind, le sorelle americane delle nostre alzavole e io, sperando di incarnierare qualche codone non ho sparato a tutte quelle che mi sono venute a tiro, dopo poco comunque decido di abbandonarmi e una coppia di mestoloni mi punta dritta, avevo il vento alle spalle e giunte a 20 metri mi alzo e realizzo la coppiola, dopo è stato un continuo: alcuni codoni, fischioni americani, germani, bluewing mestoloni e poi ancora le greenwind, ogni 20 minuti mezz’ora veniva la lancia, raccoglieva e andavano via a raccogliere per gli altri capanni.
Ad un certo punto dopo aver abbattuto una femmina di black mallard e dopo che la foschia si era un poco diradata, si andava rivelando una palude meravigliosa, sembrava essere tornati indietro nel tempo di qualche secolo, uccelli di tutti i tipi la sorvolavano a differenti altezze e la sensazione era di non toccare terra coi piedi. Le fucilate si erano fatte più rade, arriva la lancia e il barcaiolo mi comunica che la sessione della mattina terminava lì, faccio il bilancio dei miei capi e della cartucce sparate: avevo 50 anatre in barca una decina smarrite in palude e avevo sparato 95 cartucce, guardo l’orologio, erano le 9,40.

Salgo in barca ripercorrendo gli incredibili momenti di quelle poche ore e dello spettacolo di cui stavo per una volta, facendo parte, felice di essere uno degli attori principali anziché spettatore come da sempre succedeva. Mentre venivano le greenwind avevi in alto i codoni che chiamavano, stole di limicoli che lambivano la mia testa mentre accucciato aspettavo il momento buono per lasciare le fucilate alle anatre, avocette posate negli stampi mentre chiurli in branco passavano a pochi metri dal capanno per sparire nella foschia o dietro la vegetazione che delimitava i miei chiari. Avrei potuto sparare molto di più ma mi sono semplicemente gustato anche le scene delle anatre che arrivavano, a volte veloci incoppando tardi, oppure più lente incoppate da tempo per scegliere meglio il punto di calata.

Ero veramente felice: una cosa del genere la sognavo fin da piccolo quando arrivava a inizio mese la rivista “caccia e pesca” alla quale mio padre era abbonato. Quando vedevo in copertina le foto delle anatre in palude sfogliavo di corsa il giornale per arrivare agli articoli sugli anatidi o ai racconti di caccia in palude. Molte volte il pensiero è andato ai miei amici Paolo e Sandro, compagni di caccia, cosa non avrei dato per averli con me per condividere quella meraviglia con loro! E mentre rientravamo per andare a mangiare e fare poi la siesta sulla spiaggia inevitabilmente il mio pensiero si è rivolto agli amici della lista, alcuni dei quali hanno avuto la fortuna di vivere esperienze analoghe.
All’attracco delle barche mi rivedo con tutti gli altri e con mia sorpresa la mattina ho lasciato il segno, uno dei gringos si complimenta con me per come ho sparato e i messicani che non mi vedevano perché avevano il capanno da tutt’altra parte ai resoconti si meravigliano, loro in tre hanno raccolto 36 anatre, i gringos in due 34 e l’altro da solo 29!
Vedendo il carniere complessivo ho avuto per un momento un piccolo tuffo al cuore, decido che mi basta così e comunico all’organizzatore che non faccio la sessione pomeridiana perché già le aspettative erano state abbondantemente superate.

Dopo le foto di rito via tutti in macchina per raggiungere poco distante il luogo dove avremmo pranzato e ci saremmo riposati prima di tornare a cacciare nel pomeriggio. Durante il pranzo i racconti si sono susseguiti e a dire il vero con i messicani ho legato proprio, sono gente sempre scherzosa e mi sono divertito molto a prenderci a sfottò per tutto il pranzo bevendo birre a tutto spiano seguite poi da qualche ottima tequila.
Verso il termine del pranzo luculliano, Alejandro, uno dei messicani mi dice che non era possibile che non tornavo a cacciare e comincia insieme agli altri due, a dirmi che il posto per il pomeriggio era molto bello, che avremmo tirato specie differenti rispetto alla mattina e, in ultimo, la parola chiave che mi ha fatto recedere sulla mia decisione, avremmo avuto, nella laguna grande, la probabilità di incontrare le oche.
A questo punto li fermo, dicendo che per nulla al mondo sarei rimasto a guardare e che mi aggregavo anch’io alla sessione pomeridiana. La scelta è stata ottima perché i messicani avevano ragione, primo non è che capita tutti i giorni di poter cacciare in ambienti così esageratamente belli e poi, per una volta nella vita che sto dalla parte giusta della visuale, voglio gustarmela fino alla fine.

Dopo aver schiacciato un pisolino sulle brande in spiaggia, ci ricomponiamo, riorganizziamo le macchine e ci avviamo verso l’imbarco dove le lance ci attendevano per accompagnarci ai capanni pomeridiani. Lo spettacolo che avevo davanti era meraviglioso, abbiamo navigato 20 minuti in una sorta di grande fiume con anse infinite e con un numero incredibile di specie di uccelli diverse che si involavano o che già in volo passavano in cerca di approdi tranquilli, tanti i limicoli e i trampolieri così come gabbiani, pellicani, gli immancabili cormorani e anatre di tutti i tipi. Avevo un sorriso stampato, misto di incredulità e felicità per quei momenti che avrei riportato con me nei miei ricordi preferiti.
Ad un certo punto, il fiume si apre e ci si presenta uno spettacolo stupendo, una enorme laguna salmastra composta di una laguna grande e di molteplici zone fangose miste a chiari di differente grandezza, nel cielo stole di uccelli di tutti i tipi componevano strisciate nere, avevo il magone dalla felicità.

Arriviamo al mio capanno situato tra la laguna grande e il mare e stava lungo quella che definirei la continuazione del fiume. Posto appena nell’acqua con una zona fangosa dietro e il “canale” davanti di circa 200 mt di larghezza, una lingua di terra con vegetazione mista separava il tutto dall’Oceano Pacifico.
Il capanno era del tutto simile a quello della mattina, preparo il fucile, lo appoggio ai rami del capanno e comincio a gustarmi la situazione, osservo a 360° e comincio a mettere a fuoco i primi branchi di anatre che arrivavano dal mare: canvasback, red head bluewing, codoni morette.

La maggior parte arrivavano molto alte, mentre osservo un branco in entrata, a circa 100 mt di altezza, sento chiamare i codoni, mi volto e ne vedo arrivare 2 incoppati che puntavano i miei stampi, arrivate quasi al momento di lasciare le fucilate uno dei due scarta e se ne va mentre l’altro si dona in impennata contro vento: uno splendido maschio! Dopo alcune fucilate lasciate a vuoto per la distanza non indifferente a cui avevo tirato, decido di non forzare per non buttare le fucilate, infatti la pazienza ha pagato perché, finita l’entrata dal mare, le anatre hanno cominciato a girare in laguna cercando le calate e quindi alcuni branchetti si offrivano a tiro, comunque le fucilate più belle le ho tirate su coppie o su branchi da tre con diverse coppiole realizzate.
Decido di fermarmi al termine del secondo pacco di cartucce, nella speranza che prima che finiscano possa tirare anche le oche. Spara il capanno dei gringos e vedo puntare verso di me una coppia di red head velocissimi, arrivati a una trentina di metri scartano di lato al capanno alzo il fucile e realizzo una meravigliosa coppiola che seguo in caduta fino sul fango che avevo dietro al capanno. Mentre mi rigiro per osservare in direzione della laguna da cui arrivavano la maggior parte dei branchi, uno di morette scarta, picchia sul canale e, prendendo velocità raso acqua, guadagna spazio verso il mio capanno, tiro alle prime due e le fermo con tre fucilate, la seconda è ferita si dirige verso la riva opposta, tento il recupero senza successo ed è persa, così come un maschio di red head che subito dopo ho tirato a candela, si è ammucchiato per aria ma dopo pochi secondi in acqua rialza la testa e si immerge ricomparendo una 40ina di metri più giù, per poi sparire nella foschia sopra il canale.

I branchi si susseguivano più numerosi ma anche più diffidenti, comunque non mancavano certo le occasioni di tiro e stavo sparando bene.
La laguna grande era piena di oche, c’erano momenti che si involavano in grossi branchi e che si vedevano a distanza come lunghe strisce nere di centinaia di individui. Avevo conteggiato circa 34 abbattimenti quando inevitabilmente arriva l’ultima carica del fucile al termine del secondo pacco. Lascio sfilare diversi branchetti di morette e red head nella speranza di tirare alle oche, quando finalmente vedo affilarsi lungo il canale, un branco di circa 25 individui che poco sopra il pelo dell’acqua guadagnavano spazio verso di me.
Aspetto fino all’ultimo secondo utile e quando le ho davanti al capanno, ad una distanza di 25 mt mi alzo per lasciare le fucilate: le prime due del branco scendono con la prima e, in impennata, senza farmi prendere dalla frenesia realizzo la tripletta, tutte morte in acqua! E’ indescrivibile la sensazione di gioia che mi ha pervaso e, con un grande sospiro, sotterro l’ascia di guerra poggiando al capanno il fucile per gustarmi lo spettacolo nel quale ero immerso.
Purtroppo forzando alcuni tiri ho prodotto alcuni feriti che non ho potuto recuperare lasciando 8 anatre.

Dopo circa una mezz’ora di bird watching in quell’ambiente vastissimo e numerosi branchi di tutte le specie che ho semplicemente osservato pur avendo altri tre pacchi di cartucce a disposizione, vedo in lontananza la lancia che recupera nel capanno dopo il mio, a circa 400 mt distante, fa salire i gringos avviandosi verso di me. Arrivano recuperano le anatre e le oche,ne avevo 30 in barca e 7 lasciate, faccio alcune foto sul posto e ripartiamo verso il ritorno.
Indosso le cuffie, mi accomodo nella lancia e si parte per raggiungere l’approdo che segnava la fine di quella giornata.
Silenziosamente ammiro fino all’ultimo secondo ogni anfratto, ogni ansetta ed ogni uccello che incontriamo rientrando, nella speranza un giorno di poter riavere l’opportunità di cacciare in quei posti.

All’approdo arriviamo poco dopo i Messicani, che al mio arrivo mi vengono incontro con sorrisi sgargianti e, molto soddisfatti delle molteplici fucilate tirate e delle molte prede collezionate nel pomeriggio, incalzandomi con domande sulla mia avventura nella condivisione di sensazioni veramente forti. Mi abbandono ai racconti delle fucilate più belle, delle coppiole e finalmente dell’arrivo delle oche, Alejandro mi abbraccia felice, complimentandosi e, ricevendo i miei complimenti, ci rituffiamo nello scherzo, incalzandoci a vicenda e mettendo in mezzo anche gli altri.

E’ incredibile, sono dall’altra parte del mondo con persone che conosco da poche ore, condividendo profondamente sensazioni con loro come con amici di vecchia data. Sono sempre piacevolmente meravigliato a queste constatazioni e, dopo esserci rifocillati con delle birre gelate e qualche tortillas, mi metto d’accordo con il ragazzo del club per farmi pulire le anatre, che avevo intenzione di cucinare ai compagni di lavoro, che chiaramente attendevano con ansia di sapere se avevo avuto buoni risultati. Già, perché gli avevo promesso che se abbattevo un numero sufficiente di anatre, avrei organizzato una fiesta cucinando pasta alla carbonara e petti d’anatra all’arancia il tutto annaffiato da fiumi della loro tanto amata cerveza. Mi faccio preparare 30 petti d’anatra e tre me le porto a casa intere, per eventuali amici che non sarebbero stati al pranzo, il resto rimangono al club a farsi gustare da nuovi ospiti per nuove avventure di caccia o di pesca.

Ricevo i saluti affettuosi del barcaiolo con il quale avevo legato di più e in meno che non si dica mi ritrovo in macchina verso la via del ritorno.
Con lo sguardo perso nei campi, i pensieri scorrevano a quelle ore meravigliose, da cui già stavo allontanandomi e per le quali, mi stavo già prendendo un piccolo anticipo di nostalgia.
La gioia mi è tornata pensando ai cabrones che mi aspettavano per sapere se avrei organizzato la fiesta, non vedevo l’ora di raccontargli la meravigliosa giornata passata a cacciare Patos come loro chiamano le nostre beneamate. Chissà se avrò ancora occasione di cacciare in Messico.
E’ con questo pensiero che pieno di gioia, guardando il soffitto la sera, mi sono addormentato.
Inevitabile è arrivato il giorno della dipartita da questa meravigliosa terra, ricca di gente meravigliosa e di ambienti sconfinati non ancora intaccati dall’uomo, ripercorro i momenti di tutto il mio viaggio, della gente che ho conosciuto, dell’esperienza lavorativa e soprattutto della caccia.

Mentre decolla l’aereo, un nodo alla gola si stringe accompagnando il mio saluto, nella speranza che sia un arrivederci.


Torna all'elenco dei diari di caccia


  Visite alla pagina: 3849